ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

martedì 12 aprile 2011

Le afte son tornate


autoscatto all'afta magna!
Se avevo dubbi sul carico di stress che ho dovuto sopportare nell'ultimo anno, ci hanno pensato loro, con la loro ricomparsa, a levarmi ogni dubbio. Sono state le mie fedeli compagne d'università, quando mi impedivano di mangiare il pollo o il coniglio, di bere una spremuta d'arance o mi facevano impallidire alla vista dell'adorato pomodoro. Ho fatto persino da cavia per la sperimentazione di alcune pomate presso il reparto di dermatologia al policlinico di Milano. Ma loro, quando venivano curate si espandevano con maggior vigore, quasi a dire "Sei proprio una fessa a combatterci!". Gli hanno attribuito le cause più disparate: carenza di vitamina b12 e folati (che in effetti ho difficoltà a asintetizzare, nonostante mangi moltissima verdura cruda e cotta), celiachia (ma de che?!), rosicchiamento di unghie (???), eccessi alcolici o alimentari (cibi piccanti), poche ore di sonno, stress. In effetti da universitaria non mi facevo mancare niente, soprattutto le nottatacce in occasione degli esami, con relativo carico di stanchezza fisica e dimagrimento. Il fumo, incredibil e a dirsi, era un toccasana!
Le afte sono scomparse dopo la laurea (indice di quale fosse la loro vera causa!), non è bastato a farle ricomparire neanche la fine della mia storia d'ammore ultradecennale o la morte di mio padre a settembre dello scorso anno. Ma ora, una serie di preoccupazioni, l'avvicinarsi di scadenze spiacevoli unite all'impossiblità di continuare a procrastinare in eterno e un fine settimana a casa, mi hanno servito il colpo di grazia. Sembra proprio che le mie uscite salsere siano non solo un ottima valvola di sfogo, ma un vero e proprio toccasana perchè mi permettono di liberare la testa per qualche ora.
Perciò caro il mio Signore delle Tempeste, portami a ballare, è una questione di salute! Anche se sembro una tardona cui è uscito male il ritocchino alle labbra, con una parte gonfia e piena e l'altra no, sono sicura che il mio sorriso da stregatto (o da joker come dici tu) dirotterà l'attenzione altrove!

3 commenti:

chica mala ha detto...

AHI CHE MALE SOCIA!!!
Forza passerà anche questa :)

Esther ha detto...

uuuh che roba brutta l'afta.
a me invece lo stress attanaglia lo stomaco come una morsa.
dolori atroci e perdita di appetito.
una tragedia. ma ho comprato 2 paia di jeans domenica, di una taglia in meno del solito.
non tutta la gastrite vien per nuocere!

Trippi ha detto...

Chica: :-) come diceva una vecchia pubblicità? Tutto passa pippo resta? Nel mio caso tutto passa l'afta torna!

Esther: succede anche a me, chiusura totale dello stomaco, ma devo ammettere che la palestra è un ottimo antidoto, scarico lo stress e mangerei anche il piatto!

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin