ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

martedì 19 aprile 2011

Contabilità criminale

Jucker potrà fare un uscita dal carcere a 9 anni dall'assassinio della fidanzata, articolo su corriere
Mi viene la nausea all'idea che grazie alla contabilità criminale che potete leggere qui sopra, un condannato a 30 anni per avere accoltellato 22 volte la fidanzata e averla fatta lettermalmente a pezzi con un coltello per sushi possa uscire. Sicuramente l'avrà aiutato la provenienza da una "famiglia bene" il potersi pagare avvocati gli che sanno fare bene questi calcoli. In tutto questo gran parlare di riforma della giustizia, la certezza della pena è l'unico caposaldo che vorrei tener fermo! Perchè l'idea della condanna a morte non mi sfiora, l'idea della giustizia fai da te neanche. Ma vorrei avere la certezza che chi è stato colto da un raptus omicida una volta, arrivando a uccidere senza pietà una persona cara o uno sconosciuto con questa efferatezza, senza una causa scatenante grave, umanamente comprensibiile, resti in carcere per il resto dei suoi giorni, fino al suo fottutissimo ultimo respiro.

3 commenti:

alianorah ha detto...

Solo i poveri disgraziati in galera ci rimangono.

Trippi ha detto...

solo i poveri disgraziati in galera ci entrano, a meno che non abbiano ucciso qualcuno. Ecco qui non parliamo di un omicidio normale, l'ha fatta a pezzi, il suo fegato è stato ritrovato in giardino. Uno così non lo farei uscire neanche in cortile

chit ha detto...

Un "bel" esempio di pena-breve, non rimane da sperare (come per Maso) che una multa per eccesso di velocità lo rimandi in carcere :-(

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin