ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

martedì 4 maggio 2010

Luci a Bisceglie MM1


fonte foto


E' un mio problema cronico, dimentico i fari accesi e scarico la batteria. L'estate scorsa riuscii a far fuori nell'ordine, quella del fidanzato, la mia e giusto per non farmi mancare niente riuscii persino a mettere il carburante sbagliato dopo aver sostituito la batteria nell'auto di lui. Di questo passo, rischio di essere catalogata tra i disastri ambientali, per la capacità di fare fuori batterie e serbatoi d'auto.
Nell'ultima settimana ho ripreso a guidare l'auto del Signore delle Tempeste perchè la mia dovrebbe essere revisionata, ma per poter passare i controlli avrebbe bisogno di un bel treno di gomme seminuove, anche rigenerate, che sostituiscano quelle attuali, con i ferri fuori. In effetti non ho neanche pagato il bollo. Se proprio devo dirla tutta è giusto perchè durante l'ennesimo mercato sotto casa i vigili si sono piazzati proprio di fronte alla mia audina parlavano tra loro e scrutavano. Magari stavano li per caso, ma la sottoscritta, con il sedere sporco e la paranoia che le avrebbero contestato la guida di un macinino, con relativa richiesta di documenti non in regola ha pensato bene di prendere l'autobus per arrivare alla metro, una volta tanto.
Così mi sono ripromessa di aspettare il prossimo stipendio e fare tutto, giuro: gomme, revisione e persino un bel lavaggio! Sempre che non decida di venderla a uno dei vari ometti che mi lasciano i bigliettini sui vetri.
Nel mentre guido la Opel e consapevole di essere una calamita per i disastri oltre che una pessima autista, riduco il tragitto il più possibile, anzichè arrivare alla fermata della MM1 Primaticcio, vado al capolinea Bisceglie MM1.
Per tornare ai fari, in genere la dimenticanza da vita ad allegri siparietti esilaranti, per gli altri ovviamente, ma ieri proprio nel momento in cui ho realizzato il problema, si è scatenato un tifone tropicale in piena regola nella triste piazzola di periferia milanese.
Sotto il diluvio l'unico poveretto che sono riuscita a placcare si è mostrato tanto disponibile quanto inutile. Prima ha chiesto istruzioni al padre via cellulare, poi mi ha guardata tra il basito e il disperato mentre armeggiava con una mano sola contro il cofano nel vano tentativo di aprirlo per collegare i cavi. L'altra mano a reggere l'ombrello nella posizione del salice piangente, completamente inefficace, sotto le raffiche di pioggia trasversali, se non per bagnare quel poco di asciutto che restava dei miei vestiti.
Alla fine mi ha proposto un passaggio fino a casa, ho accettato. Era uno sconosciuto, ma così effeminato che non ho esitato neanche un istante!
Stasera mi aiuterà il Signore delle Tempeste, il quale naturalmente mi ha fatto subito notare che dovremo cambiare la batteria, dato che Sicuramente l'avrò rovinata, Se non vogliamo rischiare di ritrovarci a piedi ai primi freddi (cioè adesso.. non è appena ricominciato l'inverno?).
Io faccio l'offesa e mi riprometto di rischiare le multe e gli stop dei vigili piuttosto che guidare di nuovo macchine altrui, che oltrettutto non suonano quando lasci i fari accesi.
Lo so che vivo con i cordoni ombelicali, ma il bello di avere l'auto propria è che te ne puoi fregare altamente e non fai fesserie per il semplice fatto che temi di farle! Eppoi l'autonomia di poter parcheggiare dove si vuole dove la mettiamo, persino sopra un panettone del centro città, a castello, proprio come piace a me!

Questa foto venne scattata per strada da Dieguito, un amico salsero, durante i festeggiamenti per la vittoria dei mondiali di calcio il 9/7/2006.





6 commenti:

Walter ha detto...

Se passo a Milano, ricordami di venire in treno. E se mi offri un passaggio, rifiuterò gentilmente...
Cazzate a parte, la tua ironia è davvero superlativa.
Daniele (Macca)

Trippi ha detto...

Grazie Dan, ti porterò in giro in metro oppure ti cederò il volante! ahahah!

chit ha detto...

I più maliziosi potrebbero dire "donne & motori...".
Io sono contro tutte le forme di generalizzazione e preferisco chiamare in causa un altro elemento che mi sembra abbastanza chiaro, LA SFIGA!?! Sicuramente (non volermene) un po' di sbadataggine magari ma ti posso assicurare che ho mogli di amici che fanno anche di peggio e senza tutti questi contrattempi... :-D

In tema di "parcheggi pericolosi" look at: http://it.cars.yahoo.com/30042010/297/auto-in-bilico-parcheggio-multipiano-0.html ;-)

Trippi ha detto...

Chit: la foto è bellissima! Spero non mi capiti.. o perlomeno, se proprio deve, con la mia auto e non con quella di altri! :-D

Pimpirulin ha detto...

Anche io ho scaricato più volte la batteria! Maledetto l'obbligo di tenere i fari accesi di giorno!
Dopo l'ennesima richiesta di aiuto mio padre mi ha fatto installare un cicalino che strilla come una sirena. Impossibile dimenticarsi ancora i fari accesi, il papà dorme sonni tranquilli.

Trippi ha detto...

ciao Pimpirulin, benvenuta. Mi piace moltissimo il tuo nickname e la filastrocca, anche se non riuscivo a capire perchè mezza mela e non una e mezzo! Io avrei bisogno di un cicalino per ricordare le luci dell'auto, per ritrovare le chiavi nel buco nero della mia borsa, per ritrovare il cellulare (che immancabilmente cerco con un secondo telefono, in puro stile rabdomante). E pensare che ho un'ottima memoria, ma funziona sul lungo periodo e non sul breve. Comunque supplicherò il SDT di installare una sirena anche nella sua auto o piangerò.

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin