ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

lunedì 17 maggio 2010

Se qualcuno ruba un fiore...

fonte foto

Sono sempre stata poco tollerante verso i prepotenti, gli approfittatori, i maleducati e i furbastri in genere; adesso che sono incinta poi, con tutti i livelli ormonali sballati, manderei aff***ulo anche il gatto se la cosa mi desse un minimo di soddisfazione.

Mal digerisco la signora che al bar, mentre bevo il cappuccino al banco mi passa davanti e appoggia la sua tazzina sporca proprio dove c'è la mia colazione. Questo è successo ieri mattina ed evidentemente il mio sdegno è stato tale che oggi, la ragazza del bar mi ha chesto se andasse tutto bene, parlandomi con un tono accondiscendente, come si fa coi pazzi furiosi.

Faccio fatica a sopportare il cliente che mi chiama (lavoro in un call center se qualcuno se lo fosse perso) e mi chiede in regalo una promozione per il suo telefonino, con la voce spezzata dal pianto mi informa che il padre è morto e la madre è gravemente malata, quindi non si può permette di pagare per avere i messaggini gratis per un mese. Santo cielo! anche mio padre è morto ma mica la Telecom, o Sky mi hanno omaggiato con opzioni particolari!

L'episodio di stamane però, non so come descriverlo, forse l'apoteosi dello schifo.

Oggi sono di riposo e dopo aver lavorato sabato e domenica approfitto per andare al cimitero a trovare mio padre e cambiare i fiori (che nessuno mi ha regalato). Siccome il colombaio è in alto serve la scala quindi io e mia mamma prendiamo quella più vicina, dopo qualche minuto arriva una donna sui settant'anni e ci dice: "avete finito?", io rispondo gentile "no, siamo appena arrivate". Bene, si piazza li e comincia a guardarci, chiedento ogni due minuti la stessa cosa di prima. Poi, la tregua. Si fa un giro nel cesto dei fiori buttati via da poco e cerca qualcosa che si possa ancora recuperare, intanto io osservo. Si riavvicina e pone di nuovo la "domanda", io inzio ad innervosirmi e rispondo, meno educatamente: "vada a cercarne una, quando la trova mi chiama e io vengo a trasprtargliela vicino alla tomba del suo caro". Se ne va. Cinque minuti ancora e torna con un mazzetto di fiori di stoffa. Uhm... ha rubato i fiori da un'altra tomba!! Cavolo è una ladra di fiori! Ma come si fa dico io? Mi trattengo a stento, mentre mi indica la scala che ha trovato e chiede l'aiuto promesso. Non dico niente ma bofonchio con mia mamma, mai vista una cosa del genere.

Ho fatto bene a trattenermi in fin dei conti?
Finito tutto, passando davanti alla ladra di fiori, la troviamo seduta su un gradino della scala, sconsolata, mentre fissa tristemente una tomba.

"Arrivederci signora!"

"Arrivederci..... Questo è mio figlio...."

Cosa avrei potuto mai dirle?

3 commenti:

Walter ha detto...

Purtroppo la pazienza è una dote di cui dovremmo essere tutti strapieni.
Invece, ma ti capisco, certe cose fanno salire il sangue agli occhi.
Il bello è che, per ognuno di Noi, sono cose diverse...
Per me, ad esempio, è mia moglie che lascia la spugna bagnata DENTRO il lavello: lo so, è un'enorme stronzata, ma mai fa andare in bestia!
E non sono neanche incinta.
:-D
Daniele (Macca)

chica mala ha detto...

ahahahh. non è per niente facile essere pazienti. Pensa che per 7 ore al giorno sono costretta ad essere gentile con i clienti del call center che ti chiamano per stupidaggini immani, non ti dicono nemmeno buongiorno e ti trattano alla stregua di una pezza da piedi. per citare "vieni avanti cretino", devo dire: LA SUA SODDISFAZIONE E' IL NS MIGLIOR RIUSLTATO, non proprio così ma poco ci manca (piri piri gneck gneck. Poi torni a casa e devi essere paziente affinche la convivenza continuo per il giusto verso, quindi ti tappi il naso e fai finta di non vedere la spugna nel lavello..
A me capita di sognare che sono incazzata, così, sogni generici. Mi sfogo di notte..

Trippi ha detto...

Ma che tristezza Chica! Va bene tutto ma la signora non avrebbe fatto meglio a lasciare piuttosto la tomba sguarnita? O piuttosto confezionare lei un fiore come i bambini, con le scatole di cartone dei formaggini? Proprio per quell'amorosa corrispondenza di amorosi sensi con il figlio che non c'è più.. Un paese in cui conta l'astuzia anche dopo la morte?

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin