ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

giovedì 15 aprile 2010

Linguaggio dei segni


Peccato non conoscerlo.
Avrei spiegato volentieri allo psicopatico che stamattina mi ha comunicato a gesti di strappare la patente e andare in bici che lui, dal canto suo farebbe bene a lasciar perdere la giacca e cravatta e indossare una bella camicia di forza.
Peccato non avere uno specchietto retrovisore più grande che me lo consentisse!
Per carità sono ben consapevole di non essere una campionessa al volante, ma con tutta la buona volonta la mia macchina non è ancora in grado di saltare le auto davanti al semaforo. Non vedo poi, per quale motivo dovrei zigzagare per cogliere l'arancio quando c'è un altro semaforo pochi metri avanti in cui dovrò sicuramente fare sosta.
Non vedo la necessità di zigzagare a prescindere. Tantomeno se mi viene chiesto "gentilemente" con strombazzate di clacson accompagnate da movimenti di braccia inconsulti e visioni di ugole urlanti. Se ha tanta fretta la prossima volta esca in anticipo, non intendo certo rischiare un incidente o una multa per rilassare la sua faccia congestionata.
Mi chiedo se e come arriverà alle 10 di sera l'omettino dai nervi scoperti se era già conciato così alle 9 del mattino.
Si renderà conto di essere non solo un pessimo autista ma anche un pessimo padre ed esempio per il pargolo che trasportava sul seggiolino nel sedile posteriore?
Fonte foto


2 commenti:

chit ha detto...

Il segno per dire quello se lo vuoi sapere è il pugno chiuso rivolto verso il basso e poi alzi leggermente il dito medio, vedrai che capisce!? ;-)

p.s. perdonami la volgarità ma non sapevo come altro descriverlo e quella gente non merita altro se non è possibile l'indifferenza :-)

Trippi ha detto...

Figurati Chit. Lo so che è il gesto più istintivo, insieme a quello del pugno chiuso con mignolo e indice sollevati. Ma preferisco limitarmi a unire pollice indice e medio e agitarli davanti allo specchietto, con l'aggiunta del pugno chiuso in orizzontale con l'indice che rotea accanto alla tempia. :-)
La mia socia di blog Chica Mala rimaneva basita per il tono civile delle mie telefonate all'ufficio personale della nostra vecchia azienda, ti assicuro che se riuscivo a non sollevare il tono della voce con quella manica di cialtroni in malafede il resto è in discesa!

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin