ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

giovedì 7 maggio 2009

Repetita Iuvant?


Di Chica Mala
Ieri sera, dopo il turno in call center ho fatto una puntatina da Trippi. Ci sentiamo quasi tutti i giorni ma una telefonata, una chat o una vidieochiamata con l'ausilio di MSN, non sono per niente paragonabili al sano "angolo del bigodino" consumato al tavolo della cucina davanti a gelato, birretta e sigarette.
Approfittando del fatto che il Signore Delle Tempeste il mercoledì ha l'appuntamento fisso con la lezione di salsa da Claudio Fregata, noi donnine ci siamo concesse una abbondante dose di calorie e di chiacchiere.
Saltando di palo in frasca e seguendo una non-logica nel concatenare gli argomenti più disparati, ad un certo punto mi viene in mente un tizio che venerdì scorso al Tambièn si è meritato la Palma d'Oro per la miglior interpretazione comica della serata.
La serata era sottotono ed io ero a bordo pista nella classica posizione da cucciolo trovatello stipato nella gabbia di un canile, con dipinta sulla faccia l'espressione "sceglimesceglime!", tipica di quando hai una voglia matta di ballare e non c'è uno straccio di uomo che si degni di invitarti.
bene, arriva il tipo e mi fa "balli?", gli tendo la mano e ci facciamo una salsa. A fine canzone, con aria finto-ammirata esclama "ma che braaaaaaava sei!"; alzando il sopracciglio alla Dr. Male rispondo "grazie" e mi defilo. Poco dopo balliamo ancora e poi ancora. Ad un certo punto, mentre tornavo alla mia postazione da trovatella si avvicina, col faccino angelico "ma lo sai che sei davvero brava? sai, io ballo solo da un mese, tu sei molto più avanti di me...".
Gli tiro un buffetto (una spinta più che altro) sulla spalla "MA SMETTILA! SONO 5 ANNI CHE TI VEDO IN GIRO PER I LOCALI DI MILANO, BALLI DA UNA VITA! PROPRIO ME VUOI PRENDERE IN GIRO?"
(Sono tre anni che iniseme alla socia catalogo gli omuncoli da tassonomia spicciola, vuoi che non mi sia rimasto impresso nella mente un personaggio così?). Sfodera un sorrisino imbarazzato e alza i tacchi.
A questo punto del racconto Trippi interviene "aaaah, ho capito chi è, anni fa mentre ballavamo assieme mi disse più o meno la stessa cosa e aggiunse anche che di lavoro lui faceva i vestiti al Papa", va avanti " l'anno dopo, durante un altro ballo mi ripetè la stessa cosa, identica! senza spostare una virgola!"
" QUESTA COSA ME L'HAI GIA' DETTA UN ANNO FA, SE VUOI BROCCOLARE OGNI TANTO DOVRESTI AGGIORNARE IL TUO REPERTORIO....SAI... STAI DIVENTANDO NOIOSETTO!"
Ah ah ah. Repetita Iuvant? no, in questo caso direi proprio di no.
Per concludere la cronaca, inquadrato il soggetto, all'ennesima bachata, mentre eravamo stretti e avevo il naso appoggiato nell'incavo tra collo e spalla alzo la testa e lo guardo "che buon profumo che hai...." (aria trasognata e occhioni da gattone di Shreck). Lui tutto contento "Siiiiiii, ti piaceeeeeeeeeeee? è Jungle di Kenzooooooooo, mi dura per tutta la serataaaaa!" Un bello scontro tra Titani delle frasi fatte, ecco cosa ci voleva.
Darwin sarebbe orgoglioso di me, ho catalogato una nuova specie: il Cocorito Salserissimum.


2 commenti:

Trippi ha detto...

ahaha! E' un classico del broccolatore da due soldi: repertorio limitato e, diciamocela tutta, anche in pista non è che siano questa gran cosa.. ti immagini che tristezza a letto? Se tanto mi da tanto, se sei limitato in altri settori, probabilmente anche li.. minestra riscaldata. Però è sempre meglio dell'odore di tomba di certi soggetti cui accennavamo ieri!! Cattivissima!

chica mala ha detto...

si....Jungle è decisamente meglio del profumo di beccume (come lo chiamava il mio amico Bubi)

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin