ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

lunedì 14 giugno 2010

Come sposare una vacca e restare vedovo in 24h

Come dice quel vecchio detto? Moglie e buoi dei paesi tuoi? Si sa gli antichi spesso con frasi fatte e brevi sentenze tratteggiavano la realtà con gli occhi dell'esperienza. Quello che non avrei mai immaginato è  che nel 2010 il detto venisse preso alla lettera con conseguenze disastrose.
Beata ignoranta e maledetta punizione. 
Eh si poco da ridere, ma essere costretti a sposare quella gran vacca che ti ha sedotto approfittando della tua innocenza non è mai piacevole. Soprattutto se hai 18 anni,  vivi in un isola e sei stato colto in flagranza mentre facevi sesso con quella femme fatale, provocante e infingarda. ------->>>>
Ma questa non è una storia d'amore old fashion, niente ragazza con la pistola, fuitine o suoceri con doppietta e/ coltellacci sui testicoli. Questa è la storiaccia di un teenager indonesiano con l'ormone che picchia in testa costretto a sposare una mucca con cui era stato colto in atteggiamenti inequivocabili, per ripulire il paese dall'onta dell'unione "blasfema". Alla fine del rituale celebrato sulle rive dell'oceano, la povera bestia è stata affogata. Lo sposo, solita visione maschilista, ha subito la sorte  della moglie solo in modo simbolico e i suoi abiti sono stati gettati in mare, in una rinascita battesimale balinese.
Le cronache locali riferiscono che il capovillaggio a questo punto considererebbe ripulita la vergogna, il povero vedovo, bisognoso probabilmente più di un buon aiuto psicologico che di un matrimonio, sarebbe collassato durante la cerimonia. 


2 commenti:

Walter ha detto...

Non so che fare.
Devo ridere? Non mi pare il caso.
Piangere? Nemmeno.
Diciamo che i stupisco, ma fino ad un certo punto.
Mah!
(Di sicuro il ragazzo deve essere visto da uno bravo, ma sul serio).
Daniele (Macca)

Trippi ha detto...

Daniele: fa una gran tristezza anche a me, su quale sia la realtà rurale in cui è cresciuto il ragazzo è evidente, che queste cose non siano accadute o accadano anche da noi è un altro discorso. Sicuramente il ragazzo ha bisogno di aiuto, ma forse anche il capovillaggio e i compaesani che pensano di lavare "l'onta" con un rituale di purificazione e affogando la mucca. Giusto per restare in ambito di proverbi e saggezza popolare: il mondo è bello perché è vario e in tempo di guerra ogni buco è trincea!

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin