ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

martedì 23 marzo 2010

Punti di svista sulle elezioni




Kalim: Beh, se certa gente chiama giornalisti dei professionisti della calunnia come San-toro e Trav-raglio...

Trippi: Kalim: io non ho un colore politico, a differenza di quello che vedo nella tua fotina. Sono del parere che tutti debbano poter esprimere la propria opinione. La chiusura dei programmi di approfondimento giornalistico a ridosso delle elezioni è, questo si, un fatto senza precedenti nel nostro paese. Come già detto proprio in questo profilo, la cosa fa comodo a entrambi gli schieramenti politici. Ma è troppo comodo cantarsela e suonarsela senza dialettica, senza un confronto. Quanto al signor Vespa gli ho sentito dire con le mie orecchie nel suo programma del venerdì mattina a Rtl che questo provvedimento è un errore. Quanto ai signori Santoro e Travaglio risponderanno in tribunale delle calunnie.

Kalim: E nell'attesa che i signori Santoro e Travaglio rispondano in tribunale, non dovremmo continuare a pagare il canone per finanziare i reati che commettono abusando del servizio pubblico? In quale paese accade una cosa del genere?

Trippi: Beh visto che continuo a pagare le tasse mentre buona parte del parlamento è già stato condannato o è inquisito, per non parlare del presidente del consiglio direi che è pari patta no? Ovviamente senza cattiveria e senza odio!

Kalim: No, non è pari e patta neanche per nulla! Chi siede in Parlamento lo fa perch... See moreé è stato eletto dal POPOLO SOVRANO. Santoro e Travaglio invece NON SONO STATI ELETTI proprio da nessuno. Hanno occupato il servizio pubblico con al loro arroganza mafiosa, e ancora non si trova il modo di farli sloggiare! Ripeto la domanda :in quale paese al mondo un programma del servizio pubblico è usato a beneficio esclusivo della minoranza per permettergli ogni settimana di infangare e calunniare la maggioranza? L'anomalia italiana è proprio qui!

Trippi: ti chiedo per cortesia, di non usare le maiuscole è come se urlassi!
Tornanto al discorso sulle persone in parlamento, in realtà scegliamo una lista, al massimo un capolista, tutti i nomi delle persone che poi andranno a sedersi sugli scranni sono già stati inseriti, non abbiamo nessuna possibilità di scelta. Questo sia in ambito nazionale, in parlamento, sia in ambito locale, ora con le regionali. Quanto al servizio pubblico guarda sono perfettamente d'accordo! Sfondi una porta aperta! via tutti i politici e i politicizzati dalla RAI! aboliamo il canone e soprattutto il controllo politico. Perchè si, è vero questa ingerenza della politica non si vede in nessun altro paese civile. Ma dove mai si sono visti chiudere dei programmi tv perchè è stato deciso così dai politici? Dai, sembra una cosa da terzo mondo.
Tutto questo con il massimo rispetto per l'ospite del wall in cui si è tenuta la conversazione (che probabilmente andrà avanti, Kalim misembra agguerrito), un blogger con cui ho delle conversazioni interessanti, nonostante le opinioni divergenti!
Basta poco che ce vo?


3 commenti:

Walter ha detto...

Io il canone non lo pago, quest'anno, proprio per questo: naturalmente l'ho notificato, ma nessuno m'ha risposto.
Lodo la tua calma e la tua disponibilità.
Io sono schierato, e lo sai, ma credo nella civiltà del confronto, sempre. Però, nonostante, le "provocazioni" che mando mai nessuno che si faccia avanti.
Dev'essere perchè sono grande e grosso!
:-D
Dan (Macca)

Trippi ha detto...

quello che è il mio pensiero politico non trova nessun rappresentante degno di questo nome, purtroppo. Ciò non toglie che sia in grado di vedere la realtà lucidamente. Non amo le azioni di forza e il braccio di ferro lo lascio agli altri sono più per gutta cavant petra!

chit ha detto...

Vaglielo a spiegare tu a Kalim che parte del cosidetto (erroneamente peraltro) 'canone rai' va pure nelle tasche del proprietario della sua fotina.
Come direbbe il buon Donnie Brasco... che glielo dico a fare!?!? :-S

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin