ancora miti, riti e liturgie di abbordaggio metropolitano

Cerca nel blog

lunedì 28 marzo 2011

Oh porca troia!!!!

fonte foto


Che questo governo non fosse mai sazio di sputtanamenti si sapeva e comunque nessun pettegolezzo pare serva a scalfirlo, ma quest'ultima chicca della ministra delle Pari Opportunita, la relazione della "Carfagnona nazzionale" con il burattinaio di FLI, Italo Bocchino è proprio la ciliegina sulla torta.


Oddio, non che fosse così improbabile, è nell'aria da tempo lo speteguless, ci voleva però la moglie di Bocchino, Graziella Bontempo a mettere nero su bianco le gesta del fedifrago e della signorina "Porcatroiacosacifaccioqui".


La cornuta racconta a Vanity Fair di essere a conoscenza della relazione da più di due anni e che la Ministra, a quanto pare ha sempre incarnato lo stereotipo dell'amante ossessionata e ossessionante, al punto di andare dallo stesso parrucchiere della signora Bocchino.


Ma io sapevo che era fidanzata, da tempo immemore inoltre ed da inizio legislatura si sente dire che è prossima alle nozze e vuole presto avere un figlio. Boooh.

fonte foto


Sta di fatto che Italo Bocchino ha chiesto pubblicamente scusa alla moglie, approfittando del programma di Fabio Fazio e La moglie si è tolta i sassolini che le riempivano le scarpe da anni con una bella intervista sul giornale patinato per eccellenza pareggiando perfettamente le opportunità, vero Mara?

3 commenti:

Daniele Mattioli ha detto...

Ho deciso di non commentare questa notizia, perchè sarebbe troppo facile, per me, scadere nella volgarità.
Ciò che mi infastidisce è che si lega un intero Paese alle prodezze (se ci sono state) sessuali dei suoi rappresentanti, mentre tutto va a rotoli e la gente non ha di che mangiare.
La verità è una sola: a casa, tutti, oppure una bella Rivoluzione.
Ma violenta.

chica mala ha detto...

è proprio li il problema, questo governo si alimenta della propria spazzatura, più è corrotto, più è malato, più è immorale più pare acquisire vigore.
Siamo arrivati al punto che i "comunisti", come li chiama ormai solo lui, non mangino più bambini ma sono diventati una schiera di beghine col fularino in testa proti a dare addosso ai poveri prodighi figliuoli.

Adriano Maini ha detto...

Ahinoi, alla corte di questo Don Rodrigo si é visto e si vedrà - temo - ben di peggio!

Cerca nel blog

segnala su:

socialnetworkizzaci

Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin